10 agosto – Ultima serata per Io non l’ho interrotta

Lunedì 10 agosto, nel fossato del Castello Volante di Corigliano d’Otranto e in diretta su facebook e youtube, si conclude la rassegna di giornalismo e comunicazione politica “Io non l’ho interrotta“. Dalle 20:30 (ingresso libero fino a esaurimento posti) l’ultima serata prenderà il via con la presentazione, in collaborazione con la Libreria Liberrima di Lecce, del libro “La visione. Una proposta politica per cambiare l’Italia” (Mondadori) di Alessandro Barbano. Il giornalista e saggista leccese, già direttore del Mattino, dopo l’esperienza da vicedirettore al Messaggero e al Nuovo Quotidiano di Puglia, dialogherà con la giornalista Marianna Aprile e con Biagio Marzo. C’è un luogo comune che si è fatto strada e oggi circola liberamente nella nostra società. E cioè che non serva la politica, quella con la P maiuscola, per uscire dalle crisi. Tuttavia l’emergenza coronavirus lo ha smentito con chiarezza. Come rileva Alessandro Barbano in questo libro, la lotta alla pandemia ha enfatizzato ovunque lo scontro tra due visioni alternative del mondo, l’isolamento nazionalista e la solidarietà globale, e le relative strategie. In Italia in particolare la polarizzazione del quadro politico, con una destra sovranista che tutto semplifica e una sinistra frantumata ancora alla ricerca di un’identità, ha imposto, per dirla con le parole dell’autore, una visione «virologica» della crisi, in cui la classe dirigente ha abdicato alla sua funzione di filtro delle decisioni. In questo scenario paludoso, in cui tanto la maggioranza quanto l’opposizione condividono una strategia di stabilizzazione in chiave bipolare, Barbano si chiede se esista lo spazio per un riformismo alternativo capace di sanare la frattura che si è creata fra libertà e responsabilità, uno spazio dove recuperare la complessità del reale che il populismo e un certo giornalismo d’assalto mirano a banalizzare.

Dalle 21:45 si ragionerà sul tema “Sempre in diretta: incontri e festival tra live, web e tv. Un nuovo rapporto con il pubblico e i lettori“. Le linee guida e i regolamenti sull’organizzazione degli eventi durante l’emergenza coronavirus hanno modificato notevolmente la struttura e il programma di numerosi festival e rassegne. Se durante il lockdown, in molti, si sono rifugiati in edizioni on line, con la riapertura alcune manifestazioni hanno adottato versioni “ibride” facendo convinvere il reale con il web. Raccconteranno la loro esperienza Pierpaolo Lala e Gabriella Morelli, curatori di Io non l’ho interrotta, Conversazioni sul futuro e dell’esperienza web “Sette meno dieci”, la giornalista Marianna Aprile, ospite di numerose manifestazioni e trasmissioni televisive, l’esperto di cinema e tv Luca Bandirali e (in collegamento) Marco Damilano, direttore del settimanale L’Espresso e protagonista di alcuni format pre e post lockdown. In chiusura l’esperto di cinema e tv Luca Bandirali e il linguista Marcello Aprile racconteranno “La politica in serie“. Negli ultimi anni, infatti, le serie televisive – consumate da centinaia di milioni di spettatori in tutto il mondo e ancor più viste durante la clausura forzata – raccontano e criticano il potere e la politica in maniera dissacrante. Si parlerà, tra le altre, di West Wing – Tutti gli uomini del Presidente, Borgen, House of Cards, Novino, Suburra, Designated Survivor, Homeland, 1992, The politician, Secret city, Scandal.

 
Promossa dall’associazione Diffondiamo idee di valore, con il coordinamento di Pierpaolo Lala e Gabriella Morelli, la rassegna Io non l’ho interrotta è organizzata in collaborazione con il festival Conversazioni sul Futuro, le cooperative CoolClub, Big Sur, MultiService Eco e con il sostegno del Comune di Corigliano d’Otranto – grazie al contributo del  Co. Re. Com. (Comitato Regionale per le Comunicazioni) della Puglia – e con il supporto della campagna di crowdfunding su Produzioni dal Basso.
 
Info e programma
iononlhointerrotta.com – 3394313397